Recensione Degrado The Walking Dead 7×01

Ce la stiamo facendo sotto? Sì… Presto ve la farete tutti sotto.

EDDAI NEGAN MUOVITI CHE IL BAGNO È DI TUTTI!

Ebbene sì, dopo un’estenuante attesa, The Walking Dead è tornato. E l’ha fatto nel migliore dei modi. O nel peggiore, dipende dai punti di vista. Ma procediamo con ordine:

L’ASSO DI BASTONI

Ambarabà… ciccì… coccò… tre civette sul comò… che facevano l’amore… mia madre… mi ha detto… di scegliere il migliore… sì… e quello… sei… TU!

schermata-2016-10-24-alle-11-43-25

Però Negan non intendeva davvero elogiare le qualità di Abraham, bensì spaccargli il cranio.

Ma il sergente Ford, distintosi per il suo linguaggio aulico pieno di figure retoriche, ha voluto concludere la sua vita di poeta vate con un ultimo verso: “succhiami le palle! 

Non pago di ciò, ha pensato anche che fosse una cosa simpatica spoilerare i minuti successivi della puntata, indicando con le dita il reale numero delle vittime di Lucille:

schermata-2016-10-24-alle-11-41-42

Già, perché gli sceneggiatori qui hanno fatto la bastardata più grande. Daryl, leggermente infastidito dal fatto che Negan stava per costringere Rosssssita a praticare una fellatio a Lucille ancora imbrattata delle cervella del suo ex, fa quello che avrebbe dovuto fare Rick: si alza e gli tira un pugno in faccia.

OMMIODDIO, NEGAN L’AVEVA DETTO, SE QUALCUNO AVESSE FATTO QUALSIASI COSA L’AVREBBE AMMAZZATO, OMMIODDIO ADESSO MUORE DARYL!!!!111!!

Eeeeeee invece no. Perché sconvolgere milioni di telespettatori uccidendo il loro personaggio preferito quando possiamo ricreare la scena del fumetto che Tale e Quale Show può accompagnare solo?

collage

Niente cassonetti, stavolta.

GITA IN CAMPER

Ti ucciderò… non oggi… non domani… ma ti ucciderò… diciamo, che ne so, fra una o due stagioni massimo

Niente, ormai non fa più paura, non ci crede neanche lui. È passato in due puntate da terrificante a terrorizzato. Il Rick che conosciamo sembra essere stato schiacciato sotto i colpi di Lucille.

Negan, per tirarlo un po’ su, lo porta a fare una gita nei boschi per conoscersi meglio. Inizialmente riluttante, alla fine Rick cede e si mette a giocare con Negan,

schermata-2016-10-24-alle-12-07-43

Il problema è che Negan, che diciamocelo, è un po’ matto, ha scambiato Rick per un cane da riporto e, dopo aver lanciato la sua ascia tra gli zombie, gli ordina di riportargliela in cambio di un biscotto. Qualcuno ha detto “Theon Greyjoy”?

Rick obbedisce, però c’è ancora qualcosa che non va, Negan non è contentissimo del suo nuovo amico, quindi gli propone un altro, divertente, gioco.

IL SACRIFICIO DI ISACCO

Genesi 22, 1-18

“Quindi Abramo stese la mano e prese il coltello per scannare al fine di uccidere suo figlio. Ma l’angelo di Dio lo chiamava dai cieli e diceva: “Abramo Abramo!” al che egli rispose “Eccomi” E proseguì dicendo: “Non stendere la mano contro il ragazzo e non fargli proprio nulla, poiché ora davvero so che temi Dio, in quanto non hai trattenuto tuo figlio, il tuo unico, da me”

No, non sono impazzito né voglio imitare Samuel L. Jackson in Pulp Fiction citando passi della Bibbia. Voglio però analizzare in parallelo due vicende: quella di Abramo, messo alla prova da Dio, che si accinge a sacrificare suo figlio, e quella di Rick, messo alla prova da Negan, che si accinge a mozzare il braccio di Carl.

collage

Fortunatamente, un po’ come il Dio biblico, Negan è sia distruttore che misericordioso e, dopo aver consigliato a Rick di affettarlo in diagonale come se fosse un salame, ci ripensa, evitando di mutilare ulteriormente il povero Kooorl.

E MO?

E mo so’ cazzi.

Abraham è morto, Glenn pure, Daryl viene rapito da Negan. Niente famiglia felice. Niente vita da Mulino Bianco (anche se Rosita c’è). Niente insalata di gruppo, niente Abraham, niente Glenn che tiene in braccio suo figlio.

schermata-2016-10-24-alle-12-25-02

Solo morte, tristezza, disperazione, confusione, paura.

Paura.

Paura.

Paura.

Paura.

Paura.

Paura.

schermata-2016-10-24-alle-12-57-52


Paura.

Paura.

Paura.

Paura.

Paura.

Paura.

Paura.

MIII CHE PAUUUURA

MIII CHE PAUUUURA


Per quanto mi sia potuto sforzare, è stato difficile ironizzare su questa puntata che, personalmente, reputo tra le più belle in assoluto. E non di The Walking Dead, ma del mondo della serie TV. Un’interpretazione magistrale da parte di tutti, in particolare Andrew Lincoln e Jeffrey Dean Morgan.

Sono sempre più contento di seguire questo show, sono sempre più contento di condividerlo con voi.

Come sempre fatemi sapere se vi è piaciuta su The Walking Dead ITA!

3 thoughts on “Recensione Degrado The Walking Dead 7×01

  1. Silvio il said:

    Assolutamente fantastica. Il compito era di tenere il pubblico in ansia e incollato allo schermo e ci sono riusciti. La tensione era altissima…per un fan di twd si intende1

  2. Il-Manu78 il said:

    Direi che The Walking Dead è ormai alla frutta…il senso della serie si è perso ormai da tempo e dopo le prime fantastiche, meravigliose, appassionanti 5 stagioni e una sesta che ha fatto da preludio siamo ormai di fronte ad un semplice splatter di serie B come ormai non si vedeva dagli anni ’90…peccato…era la mia serie preferita.

Rispondi