Recensione Degrado The Walking Dead 6×14

Rieccoci con il nostro appuntamento settimanale della recensione degrado!

Buona lettura!

6x14

La puntata inizia con Olivia che mette a posto i barattoli nella dispensa di MasterChef.

Padre Gabriel passeggia imbracciando un fucile.

Eugene dà il cambio a una comparsa a guardia del cancello e accenna un saluto a Sasha.

Morganello gioca con la sua mazza.

Zia Carol fuma una sigaretta in veranda e stringe il rosario-pugnale.

La puntata inizia con Olivia che mette a posto i barattoli nella dispensa di MasterChef.

Padre Gabriel passeggia sul ponte imbracciando un fucile.

Eugene dà il cambio a una comparsa a guardia del cancello e accenna un saluto a Sasha.

Morganello gioca con la sua mazza.

Zia Carol fuma una sigaretta in veranda e stringe il rosariopugnale baciando zio Tobia.

Se non fosse stato per questo particolare, avrei detto che la puntata fosse iniziata due volte. *sbadiglio*

Finalmente un po’ di nudo parziale gentilmente concessoci da AMC: la pancetta di Rosita, la quale si riveste dopo una noche caliente con… Abraham? No. Eugene? No, no. BUD SPENCER. Povera Rosita, com’è caduta in basso. Le mancano i vecchi tempi con Antonio Banderas!

untitled

Daryl, sempre più in versione The Undertaker, ritrova in una borsetta attaccata alla moto il giocattolo che Dwight era solito infilarsi nel sedere per divertire Negan. E scrocca a zia Carol un pacchetto di Marlboro morbide.

La puntata inizia con Olivia che mette a posto i barattoli nella dispensa di MasterChef.

Padre Gabriel passeggia sul ponte imbracciando un fucile.

Zia Carol fuma una sigaretta in veranda e stringe il rosariopugnale.

Che inizio moscio, meno male che c’è la sigla, ché almeno suona un po’ la carica!

Finalmente la VERA puntata ha inizio e si concentra su due gruppi: uno composto da Abraham e Eugene che vanno in missione segreta, e l’altro composto da cinque persone: Daryl, Rosita e Denise, alla ricerca di Nemo medicinali. L’insistenza di Denise nel voler andare con loro a tutti i costi puzza più delle ascelle di Daryl.

untitled

Durante il viaggio facciamo una scoperta sensazionale: Daryl (che ricordiamo essere in grado di cadere da una cascata, infilzarsi una freccia nel fianco, togliersela, usarla per uccidere uno zombie e farsi una collana con le sue orecchie, tornare alla fattoria di Nonno Hershel, beccarsi un proiettile in testa da quella scemadimmerda di Andrea e sopravvivere) non è in grado di guidare con il cambio manuale, sbeffeggiato addirittura da quella buzzicozza (scusate la crasi) di Denise. Fortuna che la strada è bloccata, quindi quel povero pick-up può far riposare la frizione. Arrivati ad un bivio, giocano a Cappuccetto Rosso: strada lunga o strada corta? Daryl opta per la lunga, i binari gli ricorderanno Terminus.

untitled

Intanto, Abraham  e Eugene sono asciutti sotto la pioggia. Se ne sente il rumore ma non si vedono le gocce. Eppure non sono molto lontani dall’altro gruppo, che è invece sotto il sole. Va beh, sticazzi, no? L’importante è aver scoperto la missione segreta di Eugene: trovare una sorta di laboratorio in cui fabbricare i proiettili. Una delle idee migliori che siano mai venute ad un personaggio dell’universo di The Walking Dead, seconda solo alla scelta di Nicholas di spararsi in faccia. In questa “fabbrica” fanno la conoscenza dell’uomo d’acciaio. No, no, non Superman: bensì uno zombie su cui è colato dell’acciaio in testa, diventando impossibile da uccidere per Eugene ma non per Abraham. Eugene, che l’aveva “prenotato” come si fa con le ragazze in discoteca, si incazza non poco e congeda Abraham che, permaloso come la mia fidanzata, se ne va lasciandolo solo come un pirla.

mar 21, 2016 10:36

Ad ogni modo, Denise aveva ragione: nell’emporio per cui aveva tanto insistito per andare c’è una farmacia intatta piena di ogni ben-di-Ippocrate. Ma chissenefotte? Vendono le targhette con i nomi, fammene prendere una col nome di mio fratello Dennis. Genitori meno originali di quelli di Galileo Galilei. Sulla via di casa, comunque, c’è una piccolissima discussione anche all’interno di questo gruppo, con Denise che rischia di essere morsa per recuperare una Fanta vomitando pure sui suoi stessi occhiali. Agghiacciante! Guarda che non ti fa bene bere troppe schifezze! Scusa la frecciatina. E scusa anche per quella scagliatati in testa da… Dwight! Con la balestra di Daryl!

Schermata 2016-03-21 alle 10.37.06

Dwight, in versione Harvey Dent/Due Facce, sbuca dal bosco con un gruppo di Salvatori armati fino ai denti che tengono Eugene in ostaggio. Dopo una simpatica chiacchierata, Eugene fa l’infame dicendo ai suoi rapitori che dietro a dei barili si nasconde uno stronzo che merita di morire. Mamma mia, Abraham ti ha solo lasciato come uno scemo facendo sì che venissi rapito, non esagerare! Mentre, dunque, un Salvatore va a controllare, succede l’impensabile: Eugene, colto da un attacco di SashaGreyte acuta, morde letteralmente il pene di Dwight. C’è una cosa in comune tra lui e Rick che strappò a morsi la giugulare di Joe: in entrambi i casi, si è vista una gola profonda. Il pompino a tradimento di Eugene si rivela però un buon diversivo: infatti Abraham, Daryl e Rosita fanno fuori una decina di persone senza subire neanche un graffio. L’unico scemo a prendersi un proiettile in pancia è proprio Eugene. Dovevi fabbricarli, non mangiarli!

mar 21, 2016 10:40

Tornati ad Alexandria, rattoppano Eugene, il quale si sveglia e si sente dire da Abrahamsai come mordere un cazzo, Eugene. Con tutto il rispetto“. Finalmente, quasi non ci speravo più di sentire la poesia settimanale del sergente aulico.

Se inizialmente sembrava avessero lasciato Denise a marcire sui binari con una freccia in testa, Daryl e zia Carol ci smentiscono mostrandoci mentre la seppelliscono ad Alexandria. Zia Carol che, nonostante abbia fatto una scorpacciata di uccisioni solo una settimana fa, si è ammalata di Morganite. Come la peggiore delle friendzonatrici, lascia un biglietto a zio Tobia nel quale lo informa di non essere più in grado di uccidere per proteggere le persone che ama e che quindi se ne va via.

La puntata finisce con Olivia e altre comparse che portano via delle armi dalla dispensa di MasterChef.

Padre Gabriel passeggia imbracciando un fucile.

Rosita dà il cambio a una comparsa a guardia del cancello e non accenna minimamente un saluto a Sasha.

Torna intanto il camper con Tara e Heath, dunque sono passate due settimane.

Zia Carol non fuma una sigaretta in veranda né stringe il rosario-pugnale perché se n’è andata.

Morganello stringe la sua mazza, lasciandoci intendere che andrà a cercare zia Carol lui stesso. O Magari si sta solo chiedendo…

Schermata 2016-03-21 alle 10.40.53

Se la puntata vi è piaciuta, fatemelo sapere commentando qui sotto o su Facebook!

Precedente Fear The Walking Dead: Stagione 2 [Galleria] Successivo L'episodio 6x14 paragonato al fumetto

One thought on “Recensione Degrado The Walking Dead 6×14

Rispondi